Comunic-Azione #4 - Adattamento

Nuovo appuntamento settimanale con Comunic-Azione. Parliamo di comunicazione scientifica con Marco Merola, giornalista scientifico e divulgatore.

Viviamo in un periodo in cui sembra esserci molto spazio per l’informazione scientifica: ci sono state e ci sono delle situazioni nelle quali la comunicazione scientifica riveste una particolare importanza, dal cambiamento climatico alla pandemia.

Alla crisi climatica e all’adattamento alle sue conseguenze Marco ha anche dedicato un webdoc, intitolato non a caso “Adaptation”.

Con lui due parole sulla percezione del periodo che stiamo passando e sullo stato di salute dell’informazione italiana riguardo alle crisi in atto.

 

Marco, quanto è cambiata da parte dell’opinione pubblica la percezione del discorso scientifico?

Sicuramente è un momento storico particolarmente importante e impattante per il grande pubblico, perché i temi caldi della scienza sul tavolo sono tanti, soprattutto i due temi che hanno polarizzato, stanno polarizzando e, direi, polarizzeranno i prossimi anni della nostra vita: da una parte la crisi climatica – utilizzo questa espressione invece di “cambiamento” ma la trovo assolutamente più aderente a quello che stiamo vivendo – e dall’altra parte l’argomento pandemia, quindi l’esplosione di un virus a livello mondiale come mai era stato sperimentato fino a oggi. Probabilmente chi ci ascolta ricorderà che negli ultimi anni abbiamo rischiato varie epidemie: dalla mucca pazza all’influenza aviaria, l’ebola. Insomma, diciamo che sono state tante le possibilità che qualcuno di questi virus arrivasse anche fino a noi infettando poi tutto il mondo, come è stato per Covid-19. Invece per il discorso della crisi climatica, sappiamo tutti da sempre che è una crisi globale.

Ti interessa questo articolo?

Lo abbiamo scritto per la newsletter “Comunic-Azione”, che tratta di comunicazione di massa e società.

Per leggere l’articolo intero dovrai iscriverti alla nostra newsletter. Con l’iscrizione avrai una mail di benvenuto con la password per accedere nell’archivio dove troverai gli articoli completi, compreso questo.