Patchwork #4 - La diversità fa la forza

Ci si avvicina all’inizio dell’anno scolastico, momento importante di una fase importante in cui si crea la società di domani, quindi abbiamo deciso di portarti a Dallas per vedere come il sistema scolastico ha lavorato per integrare famiglie di diverse fasce sociali e di reddito, creando una scuola più inclusiva e anche performante dal punto di vista didattico.

Si parla di giornalismo delle soluzioni e, prima di iniziare questo viaggio, ti segnaliamo due chicche da chi si occupa da anni di giornalismo delle soluzioni, vale a dire i nostri amici di NEWS48.

 

Come detto, ora tocca a noi, si va a Dallas per una storia su come si può costruire un sistema scolastico inclusivo e rappresentativo della comunità di riferimento, con una storia raccontata dall’Hechinger Report.

Buona lettura!

Le famiglie di Dallas accorrono nelle scuole che attirano studenti sia delle zone ricche che povere della città.

I distretti scolastici vedono il successo delle “Scuole di trasformazione”, che offrono un corpo studentesco variegato dal punto di vista socio-economico

di Kate Rix, 4 agosto 2022.

L’Hechinger Report è una redazione nazionale senza scopo di lucro che scrive sull’istruzione

DALLAS – Quando Lauren McKinnon ha sentito che una nuova scuola elementare pubblica stava aprendo vicino a casa sua a Dallas, era già una buona notizia; ma quando ha saputo che la scuola avrebbe offerto un piano educativo solo per ragazze incentrato sullo STEM (science, technology, engineering and mathematics – scienza, tecnologia, ingegneria e matematica, ndr) era emozionata, sapendo delle diseguaglianze che spesso esistono per le ragazze – come le sue figlie – in matematica e scienze.

Ma qualcos’altro si è distinto nella scuola che ha attirato l’attenzione di McKinnon: la sua potenzialità di avere un corpo studentesco più simile alla realtà di Dallas nella sua interezza.

La scuola, Solar Prep for Girls, ha aperto i battenti nel 2016 come “Scuola di trasformazione”, uno dei numerosi  tentativi in corso tesi a  invertire decenni di fuga dei bianchi dal sistema scolastico. Il distretto scolastico è al momento per il 71% ispanico, per il 21% nero,  e per il  5% bianco, e l’86% dei suoi studenti ha diritto alla sovvenzione dei pasti a livello federale.

Al contrario, la città di Dallas è più equamente divisa dal punto di vista razziale ed etnico: è per il 41% ispanico,  per il 29% bianco e per il 24% nero.

Solar Prep e altre scuole “50/50” a Dallas non hanno limiti di frequenza. Gli studenti sono ammessi per sorteggio, con alcuni posti disponibili per famiglie che risiedono al di fuori del distretto scolastico. La metà degli studenti ammessi devono provenire da uno dei quartieri svantaggiati di Dallas dal punto di vista socio-economico, mentre l’altra metà proviene da aree più ricche. Il distretto fornisce il trasporto agli studenti dentro i propri confini.

Il distretto al momento ha 13 di queste scuole. In totale queste attirano migliaia di candidati, e sono dimostrate così popolari che il distretto ha in programma di aprirne altre 11 nei prossimi 3 anni, di cui due  in apertura il 15 agosto, con l’inizio dell’anno scolastico.

Lauren McKinnon, che ha due figlie alla Solar Prep for Girls, ha detto che lei e suo marito sono stati "fortunati" quando hanno potuto effettuare l’iscrizione alla rinomata "Scuola di trasformazione", che generalmente ha più candidati rispetto ai posti disponibili. Immagine fornita da: LORI WILSON PHOTOGRAPHY

Ti interessa questo articolo?

Lo abbiamo scritto per la newsletter “Patchwork”, che tratta di soluzioni dal mondo a problemi sociali, economici, ambientali e non solo.

Se vuoi leggere l’articolo intero, iscriviti alla nostra newsletter. Con l’iscrizione avrai una mail di benvenuto con la password per accedere nell’archivio dove troverai gli articoli completi, compreso questo.