Patchwork #2 - Terrazzamenti e cambiamenti climatici

Lunedì 25 luglio. Giornata calda, vero? Sapevi che da pratiche antichissime viene la conoscenza di come affrontare anche oggi il caldo e i cambiamenti climatici?

Prima di leggere, visto che parliamo di soluzioni trovate dalla comunità
e per la comunità, ti vorremmo proporre tre storie dai nostri amici di
NEWS48.

Tre storie che ti consigliamo, così come ti consigliamo di fare un giro con noi a Pantelleria per questa storia raccontata dal magazine Yes!

Buona lettura!

Questa antica tecnica agricola potrebbe offrire 
una soluzione ai cambiamenti climatici?

 
I terrazzamenti sono stati utilizzati per secoli al fine di prevenire incendi, mitigare le temperature e rendere possibile la pratica agricola anche quando l’acqua scarseggia.
 
Guia Baggi , 7 luglio 2022
 
Circondata dalle acque dello stretto di Sicilia nel profondo sud d’Italia, l’isola di Pantelleria è formata da 32 miglia quadrate di rocce vulcaniche nere senza fonti di acqua potabile eccetto i circa 40 cm di pioggia che cadono ogni anno. Le tracce del primo terrazzamento agricolo risalgono all’Età del Bronzo, 16 secoli prima di Cristo. Su questi terrazzamenti, i vigneti di Zibibbo crescono all’interno di cavità, così da intrappolare l’umidità vicino alle radici. Poi ci sono gli uliveti, anch’essi di bassa statura. E dai muretti a secco sporgono i capperi, l’altra grande coltura locale.

Ti interessa questo articolo?

Lo abbiamo scritto per la newsletter “Patchwork”, che tratta di soluzioni dal mondo a problemi sociali, economici, ambientali e non solo.

Se vuoi leggere l’articolo intero, iscriviti alla nostra newsletter. Con l’iscrizione avrai una mail di benvenuto con la password per accedere nell’archivio dove troverai gli articoli completi, compreso questo.